È vietata la riproduzione dei testi senza l'indicazione della fonte
   www.de-vrouwe.info

per le immagini è necessario il permesso scritto.

Qui aprite la pagina web ufficiale della fondazione Vrouwe van alle Volkeren.

Stampa E-mail

il Miracolo eucaristico di Amsterdam


«Ho scelto Amsterdam quale luogo della Signora di tutti i Popoli.
È anche il posto del Sacramento.»

Messaggio del 20 marzo 1953

Nel 1345, esattamente 600 anni prima dell'apparizione della Madonna ad Amsterdam,
allora modesta cittadina portuale, avvenne quel miracolo eucaristico
che diede grande notorietà all'attuale capitale dell'Olanda,
contribuendo al suo sviluppo economico e alla sua prosperità.
Ciò che, con piccole divergenze, diverse fonti e vecchie cronache riferiscono,
può essere così riassunto:

Il miracolo eucaristico di Amsterdam avvenne il 15 marzo 1345, precedendo quindi di 600 anni la prima apparizione della Signora di tutti i Popoli.

In una casa della via Kalver giaceva un moribondo. Egli ricevette l’estrema unzione ma ebbe difficoltà ad inghiottire l’ostia e più tardi fu preso da vomito. La domestica che lo assisteva raccolse tutto ciò che egli aveva rimesso e lo gettò nel fuoco del camino. Il giorno dopo, allorché riaccese il fuoco, vide l’ostia intatta librarsi sopra le fiamme. Allora l’avvolse in un panno e la depose in una madia. Avvertì quindi un sacerdote che in segreto trasportò la Santa Forma nella chiesa di San Nicola, l’attuale Chiesa Vecchia.

Il giorno seguente, però, a generale sorpresa, l’ostia giaceva di nuovo nella madia. Il sacerdote, richiamato, la riportò in chiesa. Allorché il giorno dopo, per la terza volta, l’ostia fu ritrovata nella madia, si capì che era volontà divina di rendere pubblico il miracolo. L’ostia fu di nuovo portata nella chiesa di San Nicola, questa volta però in solenne processione.

L’anno dopo, concluse le dovute indagini, il Vescovo di Utrecht confermò la soprannaturalità dell’accaduto. La solennità del SS. Sacramento divenne una festa religiosa e civile per la città e ogni anno fu ripetuta la solenne processione eucaristica. La casa nella quale avvenne il miracolo fu trasformata in cappella.

Tra i numerosi pellegrini che nel corso dei secoli si recarono ad Amsterdam, ci fu anche l’Imperatore Massimiliano d’Austria. Egli vi si recò per chiedere la grazia della sua guarigione. Fu esaudito e in segno di riconoscenza inserì lo stemma della città di Amsterdam nella corona imperiale.

Nel 1578, l'autorità civile di Amsterdam, composta da membri riformati, proibì l'annuale processione del miracolo eucaristico e la cappella cadde in disuso. Malgrado il rigoroso divieto, i Cattolici mantennero la consuetudine alla quale erano affezionati, riunendosi per percorrere l'itinerario originale in devoto raccoglimento. Ne risultò la cosiddetta "Processione silenziosa", ravvivata nel 1881, alla quale ogni anno, nella notte precedente la domenica che segue il 15 marzo, partecipano in silenzio e preghiera fino a 10'000 persone provenienti da ogni regione dei Paesi Bassi.

Nel 1908 la cappella, ancora in stato di abbandono, fu abbattuta malgrado le proteste di molti cittadini. Attualmente, per la commemorazione del miracolo, si fa capo alla cappella del beghinaggio. Anche nella chiesa di San Nicola, in prossimità della stazione centrale, vi sono molti dipinti che ricordano il miracolo.



Già nel secondo messaggio, la Madonna mostra alla veggente una processione che passa in lontananza: “È la processione del miracolo di Amsterdam”. (21.04.1945).
Con ciò non va intesa la "Processione silenziosa", bensì la processione nella quale viene portato il Santissimo. La Madonna ha quindi scelto volutamente una "Città Eucaristica" per rivolgersi a tutti i popoli. 


Nota: 13 giugno 2004, festa del Corpus Domini, per la prima volta dal 1578, una processione eucaristica si svolse in pieno giorno per le strade di Amsterdam. Il divieto era stato tolto alcuni anni prima.  


Da: P. Paul Maria Sigl,
Die Frau aller Völker 'Miterlöserin Mittlerin Fürsprecherin'
Amsterdam – Roma, 25 marzo 1998
e
Förderstiftung FM (Editrice),
I Messaggi della Signora di tutti i Popoli, Neuss/D, 2011

 
 
  • Deutsch (DE-CH-AT)
  • Italian - Italy
  • Nederlands - nl-NL
  • Español(Spanish Formal International)
  • French (Fr)
  • English (United Kingdom)